Vai a sottomenu e altri contenuti

Avere una famiglia

Avere una famiglia

Gli artt. 29-31 della Costituzione analizzano il concetto di famiglia e matrimonio.

Art. 29 - La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare.

Art. 30 - È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità.

Art. 31 - La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose. Protegge la maternità, l'infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo.

L'articolo 29 sottolinea il carattere naturale della famiglia, in quanto essa nasce come legame di coppia al fine di soddisfare l'esigenza naturale dell'essere umano di trovare amore e conforto in un'altra persona.

La famiglia acquista valore giuridico mediante il matrimonio; la celebrazione del matrimonio può avvenire davanti all'Ufficiale di stato civile, oppure davanti ad un ministro di culto cattolico o di uno degli altri culti ammessi dallo Stato. In tale ultimo caso, il matrimonio può comunque produrre effetti sul piano civile (si parla di matrimonio concordatario).

Nel caso in cui il vincolo matrimoniale venga sciolto, l'uomo e la donna sono liberi di contrarre un nuovo matrimonio, valido ai soli effetti civili. I coniugi si trovano ad un livello di parità. Questo riconoscimento è stato introdotto con la riforma del diritto di famiglia (maggio 1975) che ha abolito il ruolo di ''capo della famiglia'' del marito.

La Legge 20/05/ 2016 n. 76, cosiddetta Legge Cirinnà, ha introdotto le unioni civili; si tratta di istituto giuridico che tutela la convivenza tra persone dello stesso sesso, garantendo ad entrambe alcuni dei diritti e dei doveri tipici del matrimonio.

La sezione 'Avere una famiglia' racchiude in sè tutti i procedimenti che si devono attivare in caso di matrimonio o unione civile, separazione o divorzio, nascita o adozione di un bambino, perdita di un proprio caro.

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Servizi Demografico
Referente: Alessandra Lai
Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele 28, 09010 Pula (Ca)
Telefono: +3907092440227/213
Fax: -
Email:
Email certificata: protocollo@pec.comune.pula.ca.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto